Provato per voi #LoveSeverin estrattore di succo ES 3569

Wednesday, May 04, 2016

Considero l'estrattore di succo, una delle migliori invenzioni degli ultimi tempi, per quel che concerne piccoli elettrodomestici in cucina.

E non solo perchè la FAO ci dice che dovremmo consumare mediamente circa 400 gr di frutta e verdura al giorno e noi dobbiamo ammettere che ne consumiamo una quantità molto inferiore, anche perché a volte ci risulta complicato mangiare così tanta frutta.
Bisogna inoltre considerare che per mantenere inalterate le proprietà organolettiche delle frutta e verdura come vitamine, enzimi e minerali, è necessario consumarla cruda e anche rapidamente dal momento in cui viene processata, per questo i succhi di frutta acquistati anche laddove è indicato che sono polpa al 100%, in realtà hanno già perso le loro proprietà  di freschezza , tra cui vitamine, enzimi, dovremmo consumare frutta e verdura non oltre i 10 \15 minuti dalla loro estrazione.
E qui entra in scena l'estrattore di succo,  che ci aiuta a consumare più frutta e verdura che in passato, in forma liquida o cremosa, in modo che sia appetibile anche per i bambini più recalcitranti.
Una scelta sana sia per chi vuole vivere in modo armonioso e anche una scelta ottima, se vogliamo proteggerci da malanni influenzali e da raffreddamento.



E la mia scelta è ricaduta sull'estrattore di succo Severin 3569 è uno slow juicer professionale a bassa velocità, (45 giri) in acciaio inox  rinforzato questo consente di mantenere inalterate tutte le caratteristiche di frutta e verdura.
Ha inoltre un ulteriore accessorio per processare la frutta surgelata, in modo da avere dei sorbetti in pochi attimi, freschi e naturali.
Apprezzo che sia molto silenzioso e sicuro da maneggiare.
E'  sufficiente ridurre la frutta e verdura in cubotti, inserirla dal tappo e fa tutto lui: da un lato fuoriesce lo scarto e dall'altro tutta il succo e la polpa appena estratta, pronta per essere bevuta.
Ovviamente un estrattore di succo professionale, non ha niente a che vedere con una centrifuga, che è dotata di lame e trita in modo sottile il cibo, a differenza l'estrattore ha una vite senza fine, che girando lo spreme, senza surriscaldarsi, ed è importante qui il numero di giri, più si compiono giri più il macchinario si riscalda. L'estrattore ne deve compiere solo 45, per questo si chiama anche estrattore a freddo, in media l'estrattore ricava un 20% in più di polpa rispetto ad una centrifuga. Per questo può costare un po' di più, perchè la sua resa è sicuramente maggiore!






You Might Also Like

0 Comments

Grazie per il commento
Blog di cucina di Barbara, food blog

Badge google


Blog Archive