,

Detersivi per la lavastoviglie, le 5 cose da sapere

Thursday, August 13, 2015

Detersivi per la lavastoviglie, le 5 cose da sapere

Molto spesso chi si accinge ad acquistare una lavastoviglie si pone il problema del modo in cui utilizzare questo elettrodomestico, ormai molto diffuso nelle case italiane; ecco perché alcune dritte potrebbero essere utili, in maniera tale da non farsi trovare impreparati dopo aver acquistato e installato nella propria cucina una lavastoviglie, strumento che consente di risparmiare tempo e fatica quando ci sono piatti da lavare.

1 Come usare la lavastoviglie

Il primo consiglio riguarda un errore che spesso si commette quando si utilizza la lavastoviglie, ovvero si sciacquano con acqua e detersivo i piatti prima di metterli all'interno dell'elettrodomestico. Indubbiamente dev'essere rimosso il grosso dello sporco – pezzi di verdura, formaggio, pane etc. - ma non bisogna mettere i piatti nella lavastoviglie già puliti o quasi, perché per un'azione ottimale del detersivo è necessario sia presente lo sporco su cui possono agire gli enzimi del sapone, evitando così anche un inutile spreco di acqua ed energia.



2 Come scegliere il detersivo giusto

Il secondo grande interrogativo riguarda il tipo di detersivo da utilizzare: in questo caso la scelta spetta soltanto a voi; in linea di massima esistono due tipologie di detersivi, quelli liquidi e quelli in polvere. L'importante è che il prodotto prescelto sia efficiente e di qualità, senza però spendere troppo: il detersivo per lavastoviglie può essere acquistato anche online su siti come casehenkel.it all'interno del quale si può trovare il detersivo giusto risparmiando rispetto ad altre soluzioni.

3 Detersivi di qualità

Il detersivo, inoltre, non deve soltanto pulire al meglio i piatti e le stoviglie, ma anche non causare problemi alla lavastoviglie, ad esempio intasando le tubature. Per evitare tali inconvenienti, il detersivo dev'essere privo di cloro e di antibatterici chimici. Meglio puntare su detersivi non aggressivi, che potrebbero danneggiare l'elettrodomestico, e affidarsi invece a prodotti di qualità che permettono di risparmiare sui costi relativi alla manutenzione della lavastoviglie.

4 Le tabs

Nell'ottica del risparmio, esistono anche le tabs, ovvero le tavolette di detersivo, che se gestite in maniera oculata permettono di ridurre i costi collegati alla lavastoviglie. Quando, ad esempio, non si deve effettuare un lavaggio a pieno carico, non è necessario utilizzare un'intera tab poiché sarebbe uno spreco; spezzandola a metà non si compromette la sua efficacia e si avrà la possibilità di effettuare più lavaggi, senza dover comprare con troppa frequenza le tavolette di detersivo.

5 Il detersivo fai da te

Il detersivo ecologico, infine, può anche essere realizzato in casa, sfruttando ciò che abbiamo a disposizione nella nostra abitazione. Per creare un detersivo fai da te al limone servono 8 limoni biologici, 300 grammi di sale, 200 ml di aceto e 800 ml di acqua. Per prima cosa i limoni vanno messi a bollire, dopodiché bisogna tagliarli a pezzi, eliminare i semi e poi frullarli fino ad avere un succo uniforme e denso.
La poltiglia di limoni che è stata ottenuta va poi versata nell'acqua aggiungendo il sale fino e l'aceto, facendo bollire il tutto e mescolando con un cucchiaio di legno. La consistenza finale dovrà essere non troppo liquida e nemmeno troppo densa, per fare in modo che il detersivo risulti pratico ed efficace. Dopo averlo fatto raffreddare, si può versare il detersivo all'interno di un contenitore nel quale può essere conservato per diversi mesi a temperatura ambiente, utilizzandolo all'occorrenza.

LP/ Buzzfeed credit photo

You Might Also Like

1 Comments

Grazie per il commento
Blog di cucina di Barbara, food blog

Badge google


Blog Archive