,

Scambio-casa: viaggiare e vivere come uno del posto

Tuesday, May 05, 2015

Amo viaggiare e ho avuto la fortuna di poter viaggiare in paesi fuori dalle classiche rotte turistiche.
Quando viaggio voglio sentirmi uno del luogo, mi piace fare la spesa dove fanno la spesa i locali, mangiare in posti che possono consigliarmi solo gli abitanti e soprattutto non mi piace incontrare troppi turisti, ma solo viaggiatori che amano percorrere i chilometri lentamente, in attesa di un tramonto, di una cena o di qualcosa di semplice o di straordinario al tempo stesso.
E così che ho visitato la Namibia, il Botswana, lo Zimbabwe e il Kenya.
E così che mi sono sentita a New York,  a Sao Paulo,  Los Angeles, Mosca, Petra, Santiago del Cile.
Solo per citare alcuni luoghi in cui ho lasciato il cuore, alcuni luoghi di cui mi ricordo gli odori.
E in questo mi ha aiutata Home Exchange, il sito dello scambio casa.
E' un sito che parte da un'idea molto semplice: scambiarsi la casa per andare in vacanza.
Io mi sono avvicinata a scambio casa dopo aver visto un famoso film con Jude Law e Cameron Diaz, che mi ha incuriosito e mi ha fatto dire "Perché no?".
Funziona in maniera molto semplice: si decide il paese che si vuole visitare, si incominciano a guardare le schede delle varie case, si inizia una corrispondenza, si fissa la data, si parte, ci si scambia la casa e si torna più ricchi di esperienze e di ricordi.
Noi come italiani siamo molto fortunati perché è sempre facile trovare qualcuno che voglia venire a visitare l'Italia.
Qui sotto trovate la ricetta per uno scambio casa perfetto.


1) Comunicare

Spiegarsi nei minimi dettagli, come è strutturata la casa, quali elettrodomestici vi sono, quali sono le regole della casa, di quanti siete, di quello che vorreste vedere.

2) Fare Spazio

E' importante fare un po' di spazio nei cassetti e nell'armadio, per permettere ai nostri ospiti di riporre i propri abiti.

3) Toilette 

A volte viaggiare in aereo non ci consente di avere tutto il necessarie per il bagno, per cui è buona norma lasciare phon, sapone, detersivi, shampoo, carta igienica.. insomma tutto quello che gradiremmo trovare noi al nostro arrivo.

4) Food and beverage

Viaggiare è anche uno scambio gastronomico, quindi io quando faccio uno scambio casa, lascio nel frigo il mio piatto forte, una teglia di lasagne pronta da infornare, insieme a qualche prodotto di prima necessità come frutta, verdura, latte, pane e una bottiglia di vino con una lettera di benvenuto!
Voglio che i miei ospiti si sentano i benvenuti.

5) Manuale della casa

Per fare sentire comodi i nostri ospiti è buona norma scrivere un manuale della casa, dovepossano trovare i numeri utili in caso si rompa la lavatrice, il numero del nostro medico, le regole di casa, come pulirla, come chiudere, dove sono gli ombrelli, dove andare a fare la spesa, numeri di telefono e indirizzi di ristoranti, in quale bar fare colazione e in quale prendere un aperitivo. Cosa vedere. Come connettersi al wifi, come accendere l'aria condizionata. Cose anche semplici. Tenete conto che potreste essere dall'altra parte del mondo, potrete vedervi e sentire tramite  Skype, ma è bene avere tutto sotto controllo.

6) feedback

Infine al ritorno dalla vacanza, è buona norma lasciare un feedback dei nostri partner di viaggio che sarà utile agli altri viaggiatori che verranno dopo di noi.

7) Valori

Se abbiamo cose di valore, documenti importanti od altro potremmo rendere una stanza o uno spazio non disponibile, chiudendolo a chiave.

8) Flessibilità e pazienza

Può succedere che qualche inconveniente accada, che le date non combacino perfettamente e il consiglio è sempre di essere flessibili e pazienti.  Una volta durante uno scambio casa, nella mia casa di Londra si ruppe la lavastoviglie. Noi, dalla California, provvedemmo subito ad ordinarne una nuova, ma purtroppo non arrivò subito. Nello scusarmi con il mio homexchanger lui mi disse: "Se non avessi voluto correre il rischio di avere contrattempi sarei andato in un Hotel a 5 stelle".
Di norma chi scambia casa è  una persona migliore di quello che si possa immaginare.




You Might Also Like

0 Comments

Grazie per il commento
Blog di cucina di Barbara, food blog

Badge google


Blog Archive