Speck: poco sale, poco fumo e molta aria

Friday, September 27, 2013

"Poco sale, poco fumo e molta aria" in queste poche parole si nascondono i segreti dello Speck Alto Adige IGP.

Lo speck è un prosciutto crudo disosassato e rifilato, che viene stagionato e affumicato seguendo una tecnica mista: prima di  essere stagionato per circa 22 settimane, viene affumicato con erbe aromatiche.
La combinazione di queste due tecniche rendono lo speck  un prodotto unico in Italia, infatti normalmente l'affumicatura è una tecnica nord europea a cui non vengono sottoposti gli altri salumi italiani.


E' grazie a queste caretteristiche uniche di sapore, aspetto e lavorazione che l'Unione Europea  tutela il prodotto con la marchiatura "Speck Alto Adige IGP".
Ogni volta che noi andiamo a scegliere un prodotto IGP, come il suddetto speck, facciamo una scelta precisa, scegliendo  produzioni tipiche e garanzie sul prodotto.
Indicazione Geografica Protetta, riconosce questi valori, identificando prodotto originari di un determinato luogo (Sud Tirol o Alto Adige in questo caso)  di cui almeno una fase della produzione avvenga nell'area di pertinenza, seguendo il processo produttivo tradizionale e partendo da una materia prima di alta qualità.
Per queste ragioni quando scegliamo uno speck  Alto Adige IGP andiamo a scegliere un prodotto di estremo valore.
Il Consorzio di Tutela Istituto Salumi Italiani Tutelati, è l'organo di controllo,  tutela e valorizzazione a cui fanno capo 15 consorzi che rappresentano  20 dei 37 prodotti riconosciuti DOP e IGP: oggi fiore all'occhiello del made in Italy.


You Might Also Like

6 Comments

  1. bel post! complimenti, io poi adoro lo speck! ;)

    ReplyDelete
  2. che tagliere meraviglioso! (anche il luogo of course :-))

    ReplyDelete
  3. Bellissime foto!

    ReplyDelete
  4. W lo speck....profumato, saporito ed estremamente versatile in cucina!
    Ciao
    Silvia

    ReplyDelete
  5. che belle foto!! adoro lo speck.. quel profumo, la consistenza un po' più secca e molto più saporito!

    ReplyDelete
  6. Non so quanto ne mangerei!!!! Buonissimo.
    Ti seguo su bloglovin

    www.pastaenonsolo.it

    ReplyDelete

Grazie per il commento
Blog di cucina di Barbara, food blog

Badge google


Blog Archive