il blocco

Monday, March 11, 2013


In questo periodo ho il blocco della scrittrice, beh scrittrice di blog di cucina. Guardo lo schermo del mio computer e vedo il vuoto. Di solito mi siedo, poso le mani sulla tastiera e i pensieri si tramutano in parole, senza controllo, come se fossi collegata direttamente ad una fonte più grande che si impadronisce delle mie mani e si serve di me. Oggi il rubinetto è chiuso. La fonte è arida. Il flusso è bloccato. 
Non è mica semplice gestire un blog di cucina, sapete? Bisogna pensare alle ricette, fare le foto, possibilmente belle, ma soprattutto bisogna scrivere... Non riesco a capire come mai succede. È da qualche giorno che penso a questo post, ma invece di produrre, vengo ipnotizzata dallo schermo vuoto. Ho pensato:"ora preparo una bella ricetta, magari un dolce così magari mi viene l'ispirazione". Macché... Il vuoto. Nonostante il freddo che qui a Londra ci ha riportato indietro nel cuore dell'inverno, ho infilato le scarpe comode come queste e sono andata a fare un giro per il Royal Arsenal, o "il paese di Enrico VIII" come lo chiama la mia mamma, dove abito. 



È un posto curioso. Con i suoi palazzi d'epoca, fusi in quelle ristrutturazioni moderne che solo gli inglesi sanno fare, ospita flussi di gente che entrano ed escono dai suoi cancelli. E sapete cosa mi fa più sorridere dei suoi abitanti? Le borse vedi qui. Si, avete capito benissimo. Tutti viaggiano con almeno due borse. Borse porta computer, borse con le scarpe di ricambio, borse con il cibo
È un tripudio di borse e questa cosa mi ha sempre divertito. Si, perché l'inglese è votato alla comodità e non può fare il tragitto tra casa ed ufficio con le scarpe eleganti. Con quelle non si corre, sono un impedimento alla frenesia londinese. Allora capita di vedere gente in abito scuro e cravatta, che indossa un paio di Nike azzurre e gialle, roba che in Italia farebbe inorridire chiunque. Ho fatto la mia giratina, ho respirato l'aria gelida del Tamigi e quando sono rientrata, non avevo ancora una idea originale. 
Allora mi sono seduta e ho cominciato a scrivere del mio blocco. Forse non ho trovato l'idea per il post dell'anno, ma almeno mi sono sfogata un pochino. In fondo, un blog di cucina è sempre un blog ed il mio intento è quello di trasmettere un'emozione, a volte attraverso il cibo e a volte no.

You Might Also Like

10 Comments

  1. cara Barbara provo spesso quella sensazione, a dire il vero la provo anche solo per scrivere un banale commento. Se potesse bastare le sole ricette io pubblicherei in continuazione! Sfortunatamente devo forzare la mia natura di ex dislessica e provare a condividere anche dell'altro queste tue foto sono magnifiche mi hanno fatto riscoprire la bellezza di Londra... un abbraccio Simmy

    ReplyDelete
  2. ah come ti capisco. Certi giorni mi viene il blocco per tutto... pensa che ho fatto ieri una torta dopo mesi e mesi e mesi di vuoto... sarà l'inverno?

    ReplyDelete
  3. ahahahahah io in questi giorni.. ho il blocco della cucina.. non mi va di cucinare... sarà l'arrivo della primavera che mi impigrisce, chissà! In ogni caso bei panorami nella tua passeggiata!!!

    ReplyDelete
  4. io pure ho attraversato questi blocchi che restavano bloccati per alcuni bloc... boh.. si sBLoccheranno prima che sbrocco... eheheh.. smakk

    ReplyDelete
  5. Purtroppo è vero.. a volte la vena letteraria se ne va in letargo.. ma confidiamo ritorni presto!!!
    Not Only Sugar

    ReplyDelete
  6. ....ti capisco, eccome se ti capisco...

    le tue foto sono splendide, mi hanno emozionata davvero: adoro Londra!

    ReplyDelete
  7. Sai che ti dico cara Barbara? Anche se decidessi di postare solo immagini di Londra senza alcun commento o spiegazione ne sarei lo stesso felice perchè mi fai sognare.....io abito in un paesino con una piazzetta,un bar,una macelleria ed una farmacia.....non c'è altro.Ah Londra!!!!!!!

    ReplyDelete
  8. Le tue foto es splendide, mi picacce molto.

    ReplyDelete
  9. A volte capitano i blocchi, poi si esce, si fa una passeggiata, e al ritorno a casa qualcosa da scrivere giunge alla mente :D

    ReplyDelete
  10. Invece a me succede di non voler cucinare nulla...ed invece mi piacerebbe scrivere senza un tema ben preciso...così ...a ruota libera! In altri momenti non voglio fotografare quello che preparo anche perchè, spessissimo, me ne dimentico!!
    C'est la vie!
    Ma tu ci sei nel mio blog? :( mi sa di no!!!
    Buonanotte auguro te.....!!! NASA NASA!!! Augh!!!
    bianca ;)

    ReplyDelete

Grazie per il commento
Blog di cucina di Barbara, food blog

Badge google


Blog Archive