Running

Sunday, January 27, 2013

Io sono molto pigra.
Da ragazzina praticavo il pattinaggio artistico e il nuoto, ma da adulta, devo ammettere che, i miei sport sono attività molto più cerebrali e il mio sport preferito è l'ozio.
Comunque, indosso abbigliamento sportivo, così almeno all'apparenza sembro una sportiva. Una tuta carina per la casa, ce l'ho sempre a portata di mano.
E quando esco non disdegno uscire con delle scarpe da tennis come queste.
Poi sarà che vivo sul Tamigi, sulle cui sponde si allenano un po' tutti.  E qui e'  un via vai di chi corre a piedi, in bicicletta, con i pattini, a qualunque ora del giorno e pure della notte. Io a volte mi dispiaccio pure nel vederli tutti sudati o bagnati quando fuori piove.  A volte penso: "e che ci vuole mi metto la tuta e le scarpe e ci provo pure io".  Proprio a questo punto però, inizio a notare alcuni dettagli, il primo è  che questo popolo della corsa a vario livello, è estremamente professionale. Professionale nella scelta della scarpa, che è una scarpa adatta al tipo di corsa che andranno ad effettuare, cioè se corrono una volta a settimana avranno magari un paio di Adidas, piuttosto che altra marca se dovessero invece correre tutti giorni ad un passo molto elevato. Perchè mi hanno spiegato che esistono diverse tipologie di suole.
Io che ho sempre inteso la corsa, come un mezzo economico per perdere peso, capisco invece che qui si portano dietro un'attrezzatura di tutto rispetto. Immancabili sono:

  1. porta Ipod  per mettere dentro un Ipod, altrimenti come si dura fatica senza la canzone preferita o magari una registrazione di trainer che ti dice "corri, corri, sacco di .... che ancora non hai perso un etto"
  2. La fascia cardio, si riconosce perchè, di primo istinto tu pensi "ma che è il misura pressione di mia nonna?" e invece no, serve a sapere quante calorie si bruciano e come e da quanto ci si stanno allenando. 
  3. La fascia porta borraccia, in cui dentro ci sarà una borraccia piena, per reintegrare i liquidi e i sali minerali persi.
  4. Per chi corre al buio serve anche la fascia catarinfrangenti, perchè essere visti è fondamentale per essere evitati dalle auto.
.... Quindi le volte (poche) che ho pensato che sarei potuta scendere in tuta e scarpe da ginnastica per correre, mi sono subito vergognata del non essere idoneamente attrezzata. Anche perchè il tempo di arrivare al negozio di accessori da running, sono sicura che il mio desiderio si sarebbe già sopito.


You Might Also Like

3 Comments

  1. Anche io facevo pattinaggio artistico...cavoli che vitaccia, mi piaceva un sacco ma ho smesso perchè per andare avanti dovevi eliminare la "tua" vita e vivere solo di quello...in qualche armadio ho ancora i body ^_^

    ReplyDelete
  2. mmmm... io stavo giusto pensando di cominciare a correre... mi piace l'idea. Io pero sono peggio di un bradipo, ma mi sforzero. Da me invece, nel piccolo paese, potrebbero correre anche con le scarpe lucide, per cui io ho poche spese da sotenere prima di iniziare l'arte della corsa... e ce la devo fare!

    ReplyDelete
  3. Anonymous31.1.13

    ahaha anche io sono come te! un pò pigra.. una mia amica mi ha obbligato ad andare con lei quasi tutte le mattine a correre!
    Ancora non le ho comprate, ma credo prenderò le Merrell Barefoot sfruttando questa promo http://www.merrell.it/
    Se ti può interessare!
    Forza e courage! :)
    dania

    ReplyDelete

Grazie per il commento
Blog di cucina di Barbara, food blog

Badge google


Blog Archive